Chiesa Ognissanti - Trani Tradizioni New

Vai ai contenuti

Menu principale:

Chiesa Ognissanti

Cenni storici
Domus praeceptoria Templarorum



Si narra che la Chiesa di Ognissanti, gia' preesistente, sia stata occupata dai Cavalieri del Tempio sin dai tempi di Ruggero II il quale divenne Duca delle Puglie nel 1129 e fu da loro gestita fino allo scioglimento dell'Ordine del Tempio da parte di Filippo il bello nel 1312. Dal 1312 al 1780 la chiesa e' passata di mano in mano a varie famiglie Tranesi quali i De Justis, Castaldi, Lambertini, Rogadeo, e Achonzaico per poi tornare sotto la gestione di Santa Romana Chiesa. La facciata principale orientata verso occidente, e' preceduta da un portico a tre fornici di bell'aspetto monumentale che puo considerarsi l'unico esemplare pugliese pervenutoci in perfette condizioni. e' bipartito da un ordine di colonne intermedie che danno vita a sei voltine a crociera sostenute da archi a tutto sesto. Le tre porte d'ingresso, in asse con le navate della chiesa sono rettangolari e munite sull'architrave di lunette semicircolari finemente decorate: quella centrale s'impone all'ammirata attenzione per la ricchezza decorativa ed i bellissimi rilievi della lunetta. Esso e' fiancheggiato da due semicolonne sormontate da due semicapitelli formati da quattro angeli ognuno dei quali regge in una mano un globo su cui vi e' una croce e nell'altra mano uno scettro, essi rappresentano i quattro arcangeli: Gabriele , Raffaele, Uricle e Michele. Gli stipiti laterali che fiancheggiano il portale centrale hanno raffigurate numerose figure. Ci sono due pavoni posti uno di fronte all'altro che bevono dalla stessa coppa e simboleggiano l'Eucarestia, La Resurrezione, un grifo che simboleggia la natura umana e divina di Gesu ed altre ancora, mentre sull'archivolto al di sopra del portale maggiore sono raffigurati i simboli dei quattro evangelisti. La struttura architettonica della chiesa e' ad impianto basilicale a tre navate diviso da colonnato (tre colonne per lato) in granito africano provenienti da altri monumenti, senza transetto. La navata centrale e' coperta da un soffitto ligneo a capriate, che non e' originale in quanto realizzato durante i lavori di restauro del 1934. Le navate laterali sono coperte da volte a crociera. La facciata orientale della chiesa si affaccia sul porto di Trani ed e' formata da tre absidi ognuna delle quali presenta una monofora. La piu interessante e' quella dell'abside centrale fiancheggiata da delle colonnine e contornate da sculture rappresentati ancora una volta un grifo meta' aquila e meta' leone.
La Chiesa di Ognissanti presenta moltissimi riferimenti astronomici e numerici che sono stati studiati. Si e' riuscito a costatare che l'asse di questa chiesa punta al sorgere del sole il giorno del 1 Novembre 1100, quindi nel costruirla si e' tenuto proprio conto della festa di Ognissanti. Non solo: quando il sole sorge agli equinozi, cioe' il 21 Marzo ed il 23 Settembre, esegue una traiettoria che parte dal finestrone dell'abside maggiore ed attraverso la prima e la seconda colonna a destra va a colpire una semicolonna del portico sul cui capitello spicca il simbolo egizio della dea Iside. Invece quando il sole sorge nel solstizio d'inverno, il 23 Dicembre, il suo raggio attraversa la prima e la seconda colonna a sinistra e va a colpire il pilastro cruciforme nel portico.





 
Torna ai contenuti | Torna al menu